Montagna Amica

La sezione Cai di San Benedetto del Tronto in collaborazione con la sezione Cai di Fermo, la sezione Cai di Ascoli Piceno, la Scuola di Scialpinismo del Piceno e la Scuola di Alpinismo e Arrampicata Libera del Piceno, organizza per il giorno 25 Novembre 2011 alle ore 21, 30 presso i locali del Centro Giovani Casa Colonica, via Tedeschi, 1 a San Benedetto del Tronto un incontro dal titolo "MONTAGNA AMICA".

Un incontro aperto a tutti organizzato per promuovere una corretta frequentazione della montagna innevata.

Relatore sarà l’istruttore di alpinismo e scialpinismo Gionni Tiburtini.

SEGUIRANNO LE IMMAGINI DELLO STAGE DI SCIALPINISMO NELLE DOLOMITI DI FANES.

Per informazioni: Club Alpino Italiano Sezione di San Benedetto del Tronto – via Firenze 1 Zona Ischia Grottammare – venerdì ore 21:30 – 23:00.

Attachments:
Download this file (Invito Montagna amica 25nov2011.pdf)Locandina della serata[ ]1419 kB

Incontri d'Autunno 2011

locandina-incontri-dautunno-2011-web2Il prossimo sabato 12 novembre 2011 avrà luogo presso la Libreria Rinascita il primo appuntamento degli “Incontri d’Autunno 2011”.

Questa tradizionale iniziativa della sezione CAI di Ascoli Piceno si articolerà in un ciclo di tre incontri che verteranno tra ricerca, esplorazioni scientifiche e montagna:
dall’infinitesimo dei neutrini si andrà alle profondità del mare per finire sulla sommità di qualche cima innevata.

L’elenco completo degli appuntamenti:

Sabato 12 novembre ore 18
Libreria Rinascita: “I neutrini, il sole, le stelle e la velocità della luce” – Paolo Lipari.

Venerdì 18 novembre ore 19
Libreria Rinascita: “Dai coralli fossili a quelli vivi…il mare nel futuro” – Fabrizio Antonioli.

Sabato 26 novembre ore 18
Cartiera Papale: “E ora che ci faccio quassù? Alpinisti, scienziati e montagne” – Enrico Bernieri.

Festa d’Autunno

Il Monte Girella … La Croce … La Montagna dei Fiori … chiamatela come vi fa più comodo, rimane sempre la Montagna degli Ascolani, la nostra montagna!

Raggiungere la vetta è sempre una soddisfazione enorme per tutti. E così il CAI domenica prossima, 13 novembre, vi propone un itinerario inedito, un agevole sentiero che zig -zagando tra un bosco di faggi, arriva su una radura sotto la Croce; un sentiero mai percorso da una escursione ufficiale CAI, almeno negli ultimi 15 anni.

Da qui, dopo il raggiungimento della vetta si prosegue scendendo per il Lago, la Fonte della Girella, fino alle auto parcheggiate davanti alla Chiesetta di San Giovanni, lungo la strada per Ripe.

A fine escursione, come consuetudine, tutti a pranzo al Rifugio CAI Mario Paci, dove Barbara e Margherita ci faranno trovare, come sempre, un appetitoso menù…

Maggiori dettagli nel pdf

Attachments:
Download this file (dettagli_escursione.pdf)Scheda escursione[ ]87 kB

Disponibile la nuova agenda del CAI 2012

cartolina-agenda-cai-2012Entro al fine del mese di ottobre 2011 è possibile prenotare presso la segreteria la nuova Agenda CAI 2012 a cura del Comitato Scientifico Centrale. Il prezzo è di 12 € (15 € per i non soci).

Inoltre è possibile prenotare anche il Calendario naturalistico da tavolo al prezzo di 2 €.

Per ricordare di Enzo Orsini

enzo orsini-rEscursione sulla Sibilla domenica 16 ottobre

Il 13 ottobre 2009 ci ha lasciati Enzo Orsini, nostro socio, grande amico e “trascinatore” capace di far avvicinare le persone più disparate alla bellezza della montagna. Sapendo della sua passione per la montagna e del suo desiderio di farla conoscere a tutti, tra i suoi amici è nata l’idea di dedicargli una serie di passeggiate aperte, in particolare, alle famiglie.

Le passeggiate, chiamate “I Sentieri di Enzo”, sono quattro l’anno, di cui l’ultima è prevista sempre sulla montagna amata da Enzo: il Monte Sibilla; si svolge nel fine settimana di ottobre in cui ricorre l’anniversario della sua “partenza” e quest’anno la passeggiata è prevista domenica 16 ottobre 2011.

Si parte alle 7,30 puntuali da via Recanati (dietro liceo scientifico di Ascoli Piceno) con mezzi propri. Dopo aver lasciato alcune auto sotto il rifugio Sibilla, si scende al bivio per Isola San Biagio dove alle 9,00 ci aspetta un pullman che accompagnerà tutti i ‘camminatori’ sino alla seggiovia del Monte Prata. Da lì inizia la traversata fino al Monte Sibilla. Tempo previsto della camminata: 5 ore circa.

A conclusione ci sarà la tradizionale merenda/pranzo presso il Forno di Collina. Prezzo previsto: 6 euro per il trasporto pullman + 15 euro c.a per il pranzo.

La passeggiata non è un’escursione ufficiale CAI.

Per prenotazioni rivolgersi a Niko Orsini oppure a Tonino D’Andrea (388 69 22 534) entro giovedì 13 ottobre.

Allora, arrivederci a presto, in ricordo del nostro amico Enzo.

Escursione al Monte Serano

Umbria: un itinerario francescano per riscoprire uno splendido Medioevo
22 e 23 ottobre 2011

Escursione al Monte Serano: intersezionale
CAI Ascoli Piceno – CAI Foligno

Sabato 22 e domenica 23 ottobre 2011, è in programma un’escursione intersezionale organizzata insieme agli amici del CAI di Foligno. Il programma prevede due momenti: un itinerario turistico, sabato 22 ottobre, e uno escursionistico, domenica 23 ottobre. Il pomeriggio del primo giorno visiteremo la splendida città di Trevi e per cena degusteremo alcune tipiche specialità umbre presso un ristorante locale. Poi tutti a dormire… In convento!

Trevi è Città dell’Olio, Città Slow, Città Bio, Bandiera Arancione del Touring Club, uno dei Borghi più Belli d’Italia ed ha ottenuto la certificazione ambientale Emas. Il suggestivo centro storico “benedice” un mare di ulivi, con 200 mila piante che tendono le nodose braccia dalla fascia collinare: veri e propri “monumenti” al paesaggio ulivato, che per Trevi rappresenta un tratto identitario. Ecco perché, quasi inevitabilmente, Trevi è unanimemente considerata la “capitale dell’olio”.

La cresta di San Paolo

5195569107_b38605e5b5_mLa Commissione Escursionismo propone, domenica prossima 9 ottobre, un’escursione che consentirà di effettuare ben due itinerari diversi, ma con partenza e prima parte del tragitto in comune. Infatti, per accogliere le esigenze dei nostri amici anconetani, che hanno organizzato un pullman con escursionisti che hanno piacere di camminare più o meno a lungo e con diverso dislivello, proponiamo due percorsi su una delle creste più belle e particolari dei Monti della Laga: la cresta di San Paolo. Spartiacque fra il fiume Tronto e il Castellano, il crinale è estremamente suggestivo poiché si snoda su lastre di arenaria sino al Colle Libretti: bellissime le particolari conformazioni dovute all’erosione del vento e delle acque. Anche gli escursionisti non abituati ad affrontare grandi dislivelli potranno ammirare un panorama unico, a 360°, che va dai Monti Gemelli alla Catena della Laga fino al Gran Sasso da una lato, i Monti Sibillini con il Monte Vettore e la Cima del Redentore dall’altro.

Ciclo "Quattro x mille" - Colle Pelato (Gran Sasso)

iconacollepelatoDa Flamignano per la Selva degli Abeti; discesa per il Fosso S.Angelo (anello)

Quando, dopo una lunghissima immersione nel bosco, ne uscirete fuori al sole solo alla fine, sul balcone della cima che emerge da un mare di verde, il fantastico panorama che si spalancherà all’improvviso non solo vi compenserà per lo sforzo, ma certamente rimarrà in voi in modo duraturo. Da una parte, vicinissima, la catena del Gran Sasso, dal Camicia al Corvo, con il paretone della Vetta Orientale del Corno grande che attira prepotentemente lo sguardo sulla sua impressionante cascata di rocce verticali, dall’altra le dolci lineee dei Monti della Laga e dei Monti Gemelli e, sprofondato sotto i piedi, il territorio teramano punteggiato di paesi, che degrada sino al Mare Adriatico. Unico aspetto negativo in questa splendida panoramica a 360°,la visione delle 2 lame dell’autostrada che, penetrando nella più imponente parete dell’Appennino, feriscono, assieme al Gran Sasso, chiunque abbia senso estetico e rispetto per la natura. Ma non è solo l’eccezionale panorama sul gruppo, godibile dal balcone più vicino ad esso e davvero uno dei più grandiosi, il motivo di attrazione dell’escursione. La camminata nel bosco, che occupa quasi tutto il tempo dell’itinerario, con l’attraversamento della Selva degli Abeti (bosco di abete bianco, residuo dell'antico popolamento misto di abeti e faggi dell'Appennino) e con un tratto privo di sentiero, nonostante su gran parte dell’anello le sterrate abbiano sostituito l’antica mulattiera, è di grande interesse naturalistico ed allo stato attuale vi possiamo garantire la lontananza dalle folle vocianti ed un itinerario dal sapore antico. Questa al Colle Pelato, citata nelle guide di Enrico Abbate (1888) e di Gerardo Ferrara (1902), era infatti una salita classica in quel periodo per i teramani che impiegavano solo 3 ore e mezza per raggiungere a piedi Tossicia (contro le 7 per arrivare a Pietracamela). Poi, in seguito all’innalzamento delle basi di partenza ed allo sviluppo dei mezzi di comunicazione, è stata dimenticata. La proponiamo ricordando ai pigri che la signora Domenica di Tozzanella, classe 1913, da giovane saliva due volte al giorno a fare la legna nei pressi della cima.


Dopo l’escursione, per chi vorrà, è previsto un pranzo consistente in antipasti (bruschette, coratella e spezzatino d’agnello), 2 assaggi di primo, acqua,vino, caffè, ammazzacaffè (15 €). E’ gradita la prenotazione.

Ciclo "Quattro x mille" - Monte Bove

Domenica prossima terza uscita del ciclo “Quattro per Mille”: andremo nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, raggiungendo le vette dei monti Bove Sud e Bicco, da dove si potranno osservare gli splendidi scorci della Val di Panico e della Val di Bove, oltre ovviamente a tutte le altre cime dei Sibillini.

Visioni stagionali nel Regno della Sibilla

silvia-gustinDomenica 25 settembre alle 17.30 presso la Sala dei Savi del Palazzo dei Capitani ci sarà la presentazione del libro fotografico “Visioni stagionali nel Regno della Sibilla” realizzato da Silvia Gustin e Alessandro Trenta.

Saranno presenti il direttore del Parco Sibillini Franco Perco e forse Licia Colò, con la quale collabora la Gustin.

Al termine, nell’area archeologica del Palazzo dei Capitani sarà inaugurata la mostra fotografica (21-28 settembre, orario 18.30-22.00).