PERCHE’ CI SERVE UN NUOVO BIVACCO ZILIOLI

Niente ali, solo gambe braccia e teste capaci, oltre che un gran cuore. E anche stavolta hanno portato soccorso a qualcuno che era in difficoltà sulla montagna. E anche stavolta, nel buio e nel vento gelido che sputa la neve in faccia, perfino inagibile il piccolo Zilioli è stato risolutivo (vedi link articolo Gazzetta di Ascoli).
L’episodio, dal lieto fine, è occasione per riflettere sull’importanza di sostituire il vecchio edifici o in pietra con un bivacco moderno e accogliente: non solo per le emergenze, ma anche per le esercitazioni e per il ricovero dei materiali del Soccorso Alpino, e ancora per l’accoglienza degli escursionisti che, tornando sui nostri monti, sostengono l’economia dei paesi ai piedi della montagna.
La ricostruzione dello Zilioli è già iniziata, pur se ancora non si vede: è sui tavoli del Parco per la Valutazione d’Incidenza Ambientale (VIncA), del Comune di Arquata per il titolo edilizio, presto anche su quello della Soprintendenza. Fra i meandri normativi e burocratici, il nuovo Zilioli si fa strada: Il progetto è stato modificato per sintetizzare alcuni miglioramenti (quindi non date retta a chi continua a postare il primo rendering di massima) e, con la indispensabile collaborazione degli enti competenti, per il prossimo anno potranno partire i lavori che restituiranno alla comunità il suo Zilioli, uno dei simboli più amati dei Sibillini.
P.s. Nel frattempo, andate in montagna sempre preparati e ben equipaggiati, dopo aver consultato la meteo ed esservi resi rintracciabili....

 


Gazzetta di Ascoli

Cronache Picene

HELP SEGRETERIA

Cari Soci,
tutti noi sappiamo quale ruolo fondamentale svolga la segreteria, per la vita sezionale e per le tante attività che le ruotano attorno.
Purtroppo, i nostri addetti non riescono più, da soli, a fronteggiare gli adempimenti burocratici e la front line, specie quando ci troviamo in tanti a chiedere informazioni, comprare pubblicazioni, iscriverci, talune volte in una discreta baraonda.
Così, facciamo di nuovo appello alla vostra buona volontà e solidarietà: siamo un'associazione di volontariato e in uno spirito di reciproco aiuto, chiediamo a quanti tra voi sono ricchi di tempo, di metterne un po' a disposizione della Sezione, in particolar modo il mercoledì pomeriggio dalle h19 alle h20.
Un impegno tutto sommato piccolo e condiviso, a servizio di tutti noi e, indirettamente, anche della città.  Un impegno dopo tutto lieve e divertente, perchè in Sezione si incontrano vecchi amici e nuove conoscenze, ci si organizza per la domenica, si scambiano pensieri battute e vernecchie.
Un pezzetto di società viva che ha ancora voglia di incontrarsi, fare assieme e condividere quella fantastica passione che è la montagna, che adesso ha bisogno del vostro aiuto.
L'intera Sezione ve ne sarà grata.

 

DOMENICA 24 NOVEMBRE : L'ALTRO SENTIERO

Traversata del Monte Coscerno in Valnerina
L’Appennino alternativo, secondo lo stile dell’omonima collana di libri della Società Editrice Ricerche (SER)
Parteciperanno all’escursione Alberico Alesi della SER e
Pierpaolo Mazzanti geologo e autore del libro “27 sfumature di verde – Valnerina, escursioni scelte.
Per la traversata è previsto un pullman, perciò sono già aperte le iscrizioni telefonando al seguente numero 3479127505
Come di consueto ci sarà la merenda/cena in un locale della zona, vi aspettiamo mercoledì e venerdì in sezione per le iscrizioni, a presto!

Attachments:
Download this file (Relazione l'altro sentiero.pdf)Relazione l'altro sentiero.pdf[ ]882 kB

Domenica 17 novembre 2019 : Puliamo un sentiero

 

Iniziativa in collaborazione con la  Commissione Sentieri della Sezione CAI di Ascoli Piceno
Quinto Incontro
per la pulitura e sistemazione segnaletica orizzontale e verticale CAI di un sentiero.
Cresta San Paolo – Sentiero Italia (Monti della Laga)
Intersezionale tra le sezioni CAI di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto
Da Collefrattale a Monte Cesarotta.
Domenica 17  novembre 2019 ore 07:30
Via Recanati, Ascoli Piceno
Vi aspettiamo in sezione per l’iscrizione
Presso la Segreteria del CAI in via Cellini n. 10 di A.P,
il mercoledì o il venerdì, dalle ore 19 alle ore 20

Attachments:
Download this file (Puliamo un sentiero 5.pdf)Puliamo un sentiero 5.pdf[ ]1373 kB

CORSO DI FORMAZIONE PER DOCENTI - CARPEGNA (PU)

Il Club Alpino Italiano, soggetto accreditato dal Ministero dell’Istruzione per la formazione del personale della scuola, organizza il corso nazionale di formazione per docenti dal titolo “ Montefeltro,  Borghi e castelli, parchi e natura“.
Le iscrizioni saranno aperte da lunedì 4 novembre 2019 e dovranno pervenire secondo le modalità indicate nel programma disponibile al seguente  link .
Il corso si terrà da mercoledì 22 a domenica 26 aprile 2020 con sede a Carpegna (PU), presso il Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello.
Il programma, in allegato, è rivolto a docenti di Scuola Primaria e Secondaria di 1° e 2° grado.

 

 

Attachments:
Download this file (41-carpegna.pdf)41-carpegna.pdf[ ]2417 kB

Serata culturale con Ezio Marlier

Attachments:
Download this file (EZIO MARLIER.pdf)EZIO MARLIER.pdf[ ]530 kB

COMUNICATO DEI GRUPPI CAI LAZIO-MARCHE-UMBRIA: "SALVIAMO I PANTANI DI ACCUMOLI DA ASFALTO E CEMENTO"

Fin dall’indomani del sisma che ha sconvolto il Centro Italia, il Club Alpino Italiano si è mobilitato per sostenere il ritorno nei territori colpiti sul meraviglioso Appennino, a cavallo di quattro regioni: un ritorno consapevole e sostenibile, distribuito lungo le stagioni, che reca sostegno economico alle attività locali. Un ritorno affidato alla bellezza dell’ambiente montano, patrimonio comune che nessuna scossa ha potuto portare via. La località Pantani di Accumoli, Sito d’Importanza Comunitaria (SIC) della rete Natura 2000 posta a ridosso del confine e in continuità col Parco Nazionale dei Monti Sibillini, è meta degli appassionati di montagna, di famiglie e di frequentatori occasionali che da sempre la raggiungono a piedi, apprezzandone il silenzio, gli animali al pascolo, le specie selvatiche (tra cui il tritone che vive nei laghetti), i colori della natura: nel rispetto e nel godimento della sua magia.
Ecco perché è profondamente sbagliato realizzare qui una strada, spacciata per “manutenzione straordinaria” di una preesistente sterrata; e, in un futuro prossimo, anche il rifugio / albergo previsto da un Protocollo d’intesa sottoscritto dalla Regione Lazio e dal Comune di Accumoli, col pretesto di sostenere l’escursionismo. Al contrario, la strada in corso di costruzione e, ancor più, un albergo porteranno veicoli, turismo di massa concentrato nel periodo agostano, rumore e inquinamento, che danneggeranno gli ecosistemi tutelati e allontaneranno per sempre la frequentazione e l’economia legati al turismo lento.
Ci sono già tante strutture da recuperare, nella zona: il rifugio Genziana, il rifugio Perugia, l’albergo Canapine ed altri ancora. C’è già tanto da ricostruire, nei paesi. L’ennesimo scempio ambientale per realizzare l’ennesima volumetria, destinata a restare chiusa per gran parte dell’anno, non risolleverà le sorti della comunità di Accumoli: al contrario, contribuirà ad affossarle nell’abbandono cui è già stata esposta dal sisma e dallo spopolamento.
Sosteniamo l’intervento del Ministero dell’Ambiente che, sulla scorta della segnalazione di associazioni locali, ha chiesto chiarimenti alla Regione Lazio per non aver ravvisato la necessità di una Valutazione d’Incidenza Ambientale in un sito sottoposto a tutela speciale.
Chiediamo a gran voce agli enti firmatari di revocare o annullare il Protocollo d’intesa che prevede la realizzazione di una struttura ricettiva in un ambiente che merita tutela e rispetto.
Chiediamo di bloccare immediatamente la realizzazione in atto della strada di accesso, con opere adeguate di ripristino.
Chiediamo di sostenere il recupero dei sentieri e della viabilità lenta, con le attività ad essi legate.
Soltanto così aiuteremo davvero le comunità colpite dal sisma, che possono tornare a vivere grazie alla bellezza del nostro Appennino.
31 ottobre 2019

 

L'ESTATE DI SAN MARTINO CON L'ALPINISMO GIOVANILE 10 NOVEMBRE 2019

Per celebrare l’estate di San Martino il 10 novembre andremo a spasso per i Sibillini, alla scoperta del territorio di Montemonaco. Questa zona del Parco è ricca di storia e di bellezze naturali; spazieremo dal monte Sibilla alla frazione di Ferrà passando per il centro del paese capoluogo.
Partiremo alle 7.30 dal parcheggio del mercato di via Recanati destinazione rifugio sibilla 1540 metri s.l.m. Da qui per la vetta 2173 metri s.l.m.
Mentre il gruppo dei giovani alpinisti andrà alla conquista della sibilla, nella frazione di Ferrà (898 metri s.l.m.) presso la casa vacanze dell’Unitalsi, un gruppo di cambusieri preparerà un appetitoso primo piatto. Ai genitori che vorranno condividere con noi questa giornata, chiediamo di portare un buon secondo da condividere con il gruppo.
Si ricorda un abbigliamento adeguato, "a cipolla", senza dimenticare scarponi, occhiali, acqua e un cambio da lasciare in auto.
Parteciperemo alle spese con una quota di 5 euro.
Per i non soci, è necessario assicurarsi in sezione, mercoledì o venerdì, tra le 19 e le 20.

Attachments:
Download this file (Relazione 10 nov 2019 Montemonaco.pdf)Relazione 10 nov 2019 Montemonaco.pdf[ ]470 kB

Domenica 10 novembre 2019 : Da Camartina a Forca di Presta, l’antica via per Norcia

Domenica con un anello escursionistico nell’area del Monte Vettore. Percorreremo gli storici sentieri che dalla Camartina (719 m) ci porteranno verso la fonte della Cappella (1230 m) per proseguire a Sasso Tagliato (1520 m) per Arrivare a Forca di Presta. Il ritorno procediamo per il Sentiero per Tutti oltre il terremotato Rifugio degli Alpini deviando per Fonte delle Trocche (1339 m)  proseguendo fino alla Vena dei Corvi (914 m), dove svolteremmo per tornare al punto di partenza località Camartina. Attraverseremo il bosco sopra l’abitato di Canartina morfologicamente ancora monti della Laga per passare al termine del bosco in un sistema calcareo tipico dei monti Sibilli.

 

CENA SOCIALE VENERDI 6 DICEMBRE

Gentili Soci,
quest'anno apriamo nuovi orizzonti alla location della nostra cena sociale: causa indisponibilità del tradizionale gazebo orsini di Venarotta, venerdì 6 dicembre migreremo lungo la comoda e scorrevole Piceno Aprutina fino a Villa Lempa, dove l'atteso ritrovo annuale si terrà presso l'accogliente ristorante Miami.  Qui potremo rinnovare la tessera, sfogliare il programma fresco di stampa, salutare amici vecchi e nuovi, scambiare vernecchie e condividere le avventure perpetrate durante l'anno dai vari gruppi sezionali.  Seguiranno dettagli sulla cena, dal costo sempre abbordabile e con menu ricco e gustoso.
Allora , segnate in agenda che venerdì 6 dicembre siete già impegnati per una bella serata con il CAI di Ascoli.  Perchè vanno bene Facebook, Whatsapp, Twitter, Sms e pure le mail, ma volete mettere il rito antico e ineguagliato di incontrarsi dal vivo, per il puro piacere di scambiarsi gli auguri e stare assieme?